di Francesco Dal Negro- Crema (Italia)

Posta (nelle varianti delle diverse lingue) accanto ad un altro nome tradizionale. Alcuni di questi esercizi sono veramente gli eredi di antichi “alberghi della posta”, altri si aggrappano a leggende poco documentate e aggiungono il nome “posta” così come potrebbero aggiungere una stella alla loro classificazione perché il nome “posta”, quasi mitico, in molte persone suscita ancora un certo fascino e un “albergo della posta” sembra sempre rivelare una garanzia di buona gestione.

Ma cosa sono stati e quando sono nati i veri “alberghi della posta”? Se prendiamo in considerazione la storia (documentata) della posta negli ultimi 2000 anni, da quando i romani realizzarono quella meravigliosa infrastruttura che prese il nome di cursus publicus, scopriamo che già allora il trasporto delle corrispondenze dai confini dell’Impero a Roma si basava su una rete stradale sicura e su posti di tappa o stazioni, dove le staffette (e i cavalli) si davano il cambio, dove queste persone potevano riposare e dove le corrispondenze potevano essere trattenute in sicurezza. Vediamo quindi che la nascita di un efficiente servizio postale necessitava fin dall’inizio di luoghi di sosta lungo un itinerario stradale definito.

Un primo importante cambiamento avvenne con la decadenza dell’Impero romano ed il disfacimento delle sue mirabili infrastrutture. La rete stradale costituita dalle famose vie consolari andò in rovina per la mancanza…