Dalla fondazione dello Stato all’introduzione dei francobolli.

di Norbert Frenes- Bolzano (Italia)

Dopo aver ottenuto l’indipendenza nel 1828, il governo greco cercò di stabilire regolari collegamenti via posta tra la Grecia e gli importanti porti di Trieste, Marsiglia, Smirne e Alessandria nel 1833 con un contratto con il banchiere Franz Ferraldi. Poiché l’Austria considerò presto inadeguato il servizio postale svolto da Ferraldi (i tre contratti conclusi con Ferraldi, peraltro, terminarono il 1 settembre 1835), un primo contratto postale tra Austria e Grecia fu firmato il 23 febbraio 1834.

In base a tale contratto, l’Austria si impegnava a utilizzare le proprie navi portapacchi per un collegamento diretto tra Trieste e Patrasso, che avrebbe dovuto essere bimestrale e che si occupava anche del trasporto delle lettere.

Di conseguenza, ci fu una competizione tra la Francia con i Messagéries Impériale o de la Medeterranée e l’Austria con il Lloyd. Di seguito mi
occuperò solo dei contratti con l’Austria e il Lloyd Austriaco. Il 15 aprile 1843 esisteva un contratto postale tra la Grecia e il Lloyd, che prevedeva l’istituzione di tre linee di navi a vapore, per cui Lloyd si impegnava a trasportare le lettere tra la Grecia da un lato e l’Austria, Corfù (all’epoca protettorato britannico), Smirne e Costantinopoli invece da trasportare
in colli chiusi.

Dettagli esatti su orari, spese postali e avanzamento del peso sono disponibili in “Grecia – Storia postale” di P. Tiberio. Il 27 novembre 1850 fu firmato un…