di William Velvel Moskoff – Lake Forest (USA)

Il Liberty Cap, o Phrygian Cap, ha una lunga storia. In varie forme si presentò nell’antica Grecia e nella regione balcanica come copricapo di gente comune libera. In epoca romana, il Liberty Cap veniva assegnato agli schiavi romani nel momento in cui veniva loro concessa la libertà. Era un cappello di feltro a forma conica indossato dagli ex schiavi per contrassegnare il loro status ambiguo, mentre non erano più proprietà di un altro individuo, né erano veramente liberi.

Quando Giulio Cesare fu assassinato nel 44 a.C., Bruto celebrò il suo ruolo nell’evento coniando monete su un lato delle quali c’erano un paio di pugnali e il berretto della libertà. Il messaggio previsto era chiaro; Roma era libera dal dominio oppressivo di Cesare.

Dopo la caduta dell’Impero Romano nel V secolo d.C., il Liberty Cap scomparve dall’uso fino alla rinascita rinascimentale della conoscenza e dei simboli classici. Quando gli olandesi espulsero la Spagna dai Paesi Bassi nel 1577, furono coniate monete con l’immagine del Liberty Cap.

Cento anni dopo, Guglielmo d’Orange celebrò la sua assunzione al trono d’Inghilterra con il conio delle monete Liberty Cap.

La Rivoluzione americana (1776) e la Rivoluzione francese (1789) diedero ulteriore impulso all’ascesa del Liberty Cap come simbolo di libertà politica. In entrambi i casi…